Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Si fingono dipendenti dei servizi sociali per rubare in casa di un'anziana, in manette tre uomini

La redazione
Condividi su:

Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato ha arrestato S.A., 48enne pescarese, S.E.,55enne di Ascoli Piceno e B.L., 41enne pescarese, tutti pluripregiudicati, per concorso in tentato furto in abitazione aggravato. Nella circostanza gli operatori del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo, diretti dal V.Q.A. dott.ssa Laura Pratesi, durante il normale servizio  di controllo del territorio nella zona denominata “Fontanelle”, nel transitare in via Tirino, notavano quattro persone, due donne e due uomini che di corsa salivano su di un veicolo di marca Fiat Panda, mentre, in fondo alla via, si notava un uomo che correva in direzione del mezzo.

Alla vista dei poliziotti, le tre persone che si trovavano nel veicolo, si davano alla fuga, ma due di queste e, precisamente due donne, venivano fermate dalla Polizia; mentre il S.E. rimaneva all’interno del veicolo. Gli operatori appuravano dal richiedente che, poco prima, un uomo e una donna, riconosciute tra quelle fermate, si erano introdotte nell’abitazione della madre con la scusa di essere dei dipendenti dei servizi sociali mandati per l’esenzione dei pagamenti. L’anziana, dopo le continue insistenze da parte dei due individui chiamava il figlio, abitante al piano superiore, il quale una volta all’interno della stanza, notava che le persone si allontanavano frettolosamente dal luogo; le inseguiva, senza perderle di vista, fino all’arrivo della Polizia. Su disposizione del P.M. di turno, al termine degli atti di rito, le donne venivano accompagnate presso la Casa Circondariale di Chieti, mentre l’uomo veniva associato presso la casa Circondariale di Pescara.

Condividi su:

Seguici su Facebook