Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dragaggio, Febbo: "Sono seriamente e fortemente preoccupato per la marineria"

Condividi su:

"Sono seriamente e fortemente preoccupato per la marineria pescarese visto lo stallo in cui versano ancora i lavori di dragaggio ormai diventati vitali e improcrastinabili per tutto il comparto pesca". Questo l'allarme lanciato ieri mattina dall'assessore alle Politiche agricole e Pesca, Mauro Febbo, alla presenza di Francesco Scordella, Mimmo Grosso e Giovanni Verzulli e altri rappresentanti della marineria pescarese durante un incontro presso gli uffici regionali della Direzione pesca.

"L'attività di pesca, oggi azzerata, è ridotta a livelli economicamente insostenibili - ha affermato Febbo - e se le imbarcazioni non tornano in mare entro il 30 aprile, si corre il serio rischio di imbattersi in un'infrazione da parte della Commissione Europea e non ci si vedra' riconoscere il prolungamento straordinario del fermo pesca. Inoltre, ancora più grave, al danno potrebbe aggiungersi la beffa: questa situazione di stallo potrebbe provocare il mancato sblocco dei 3 milioni di euro stanziati dal Governo centrale. Inoltre, se non vengono effettuati immediatamente i lavori al Porto Canale di Pescara, verranno meno tutti gli sforzi e i finanziamenti messi in campo da Regione, Governo e Europa".

Non solo: se gli armatori hanno avuto degli indennizzi, al contempo "vi sono centinaia di famiglie di lavoratori del mare che non hanno potuto usufruire di nessun sostentamento aggravando cosi' una situazione economica a dir poco drammatica, anzi direi quasi vicina alla miseria. Pertanto - ha concluso Febbo - oggi l'unica misura da adottare immediatamente e' lo sblocco dei lavori di dragaggio per evitare che centinaia di operatori della Pesca restino ancora fermi senza riuscire a portare avanti la propria attività economica e provocando danni irrimediabili".

Nei prossimi giorni l'assessore chiederà formalmente al Provveditore alle Opere pubbliche Carlea, al Comandante della marineria di Pescara e all'impresa appaltatrice dei lavori di dragaggio "date certe e improcrastinabili sui lavori e sull'effettiva situazione. Ribadisco con forza che effettuare il dragaggio in tempi certi è di vitale importanza per l'economia pescarese (e non solo della marineria) e abruzzese, anche in temini di ordine pubblico".

Condividi su:

Seguici su Facebook