Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Lavori al Porto di Pescara, basta battibecchi politici occorre fare squadra e lavorare insieme

| di Ufficio stampa Confrommercio Pescara
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

“Sui lavori riguardanti il porto di Pescara e Ortona vedo una attività politica non molto propositiva per la realizzazione dei lavori. Il fatto che ci siano queste polemiche non giova praticamente a nessuno. Il gioco delle parti ci può stare, ma mi sento in dovere come componente della Confcommercio di Pescara e come operatore economico, di sottolineare come questi lavori vadano comunque nella direzione di uno sviluppo infrastrutturale ed economico del territorio”. Così Riccardo Padovano della Confcommercio di Pescara, che interviene sulla questione riguardante i fondi stanziati per i lavori ai porto di Ortona e Pescara. “Credo - spiega Padovano - che il dibattito politico di queste ultime ore ci possa stare ci mancherebbe ma allo stesso tempo mi rammarica , però credo che oggi si possa gioire sulle sue opere previste perché voglio ricordare che i due porti sono dotati di altrettanti piani regolatori portuali  e senza di essi non avrebbero potuto ricevere contributi se non per una manutenzione ordinaria. Per questo dico che va dato merito al Comune di Pescara delle precedenti Giunte di aver portato a termine l’approvazione del Piano Regolatore Portuale partito nel 2009 e concluso nel 2014. Così come va dato atto all’attuale Amministrazione e a quella che ha governato fino allo scorso anno di aver seguito il percorso già tracciato, portando a casa un grande risultato.

Va dato merito alla Regione di aver attivato negli anni scorsi le procedure per ottenere i finanziamenti e i fondi necessari e all’attuale Giunta di aver continuato nel lavoro della precedente Giunta per far sì che il porto di Pescara diventi uno scalo marittimo idoneo per ospitare le navi passeggeri. La discussione politica non deve essere una competizione, con il rischio di poter allungare i tempi per l’arrivo e l’utilizzo delle risorse necessarie come in questo caso per i nostri porti. Per questo credo che - aggiunge Padovano - come si vede anche dal verbale del Documento del 30 luglio stilato dall’Autorità Portuale di Ancona, dove sono stati inseriti finanziamenti per la portualità di Pescara e Ortona, si debba guardare positivamente a tutto questo, considerando che con questi lavori ne va il futuro economico e turistico della nostra regione.  Se in questo momento così importante in cui sta tornando il turismo, ci si perde nella querelle politica, si fa un torto all’Abruzzo e agli abruzzesi.

E il mio invito è paritetico per chi governa oggi e per chi è all’opposizione. Occorre sedersi attorno ad un tavolo e lavorare per far sì che questi fondi arrivino il più presto possibile e vengano spesi subito per il completamento della portualità.  Dal primo lotto di sei milioni di euro.

Facciamo in modo che per esempio il porto di Pescara possa dotarsi delle infrastrutture per avere  le grandi navi passeggeri. Basta polemiche ma senso di responsabilità comune. Occorre remare tutti sulla stessa direzione. Se a Pescara c’è il Piano Regoltore Portuale, che si passi dalle parole ai fatti per segnare  Basta polemiche portualità. Lavoriamo insieme tutti. Maggioranza e opposizione di Regione e Comune in una sola squadra per il bene dell’Abruzzo”.

Ufficio stampa Confrommercio Pescara

Contatti

redazione@sl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK