Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I centauri sono soddisfatti dell’ assicurazione moto, le tariffe scendono ed essi salgono

Condividi su:

La formula di assicurazione moto che permette di sospendere la polizza per il proprio due ruote, ha permesso ai centauri di risparmiare non poco. Grazie a questa formula, il mercato di questi mezzi è aumentato e sono sempre di più coloro che utilizzano questo mezzo durante la bella stagione, sia per l’utilizzo quotidiano, che per andare in vacanza. Secondo un sondaggio i possessori di moto si ritengono oggi soddisfatti del premio versato per la propria assicurazione. Il 39% lo ritiene accettabile ed il 13% lo ritiene addirittura vantaggioso.

È chiaro che la maggior parte di questo 52% di utenti contenti dell’assicurazione moto hanno una polizza assicurativa stretta su assicurazioni online, sempre più vantaggiose a pari condizioni. Il restante 48% è scontento della sua polizza di assicurazione, certo è che oltre un quarto di loro non si dimostra disposto a rinunciare ad alcune coperture accessorie, come il soccorso stradale e il furto incendio, molto richieste soprattutto negli ultimi anni, ma che fanno lievitare il premio. Di media comunque il costo dell’assicurazione sulla moto negli ultimi anni sembra essersi abbassato.

Quanto costa l’assicurazione per la moto

Il premio della polizza della moto può variare di molto in base a diversi fattori, quali: l’età di chi la sottoscrive che la fa aumentare, così come la cilindrata e la vetustà del mezzo. In sostanza un mezzo nuovo e potente costerà di più e viceversa. Di recente in molti ricercano le moto d’epoca per ridurre il costo dell’assicurazione, ma ovviamente le potenzialità non sono le stesse. Chi è già stato coinvolto in un incidente porterà il prezzo ad aumentare. Il prezzo dipende anche dal tipo di polizza che si intende sottoscrivere: un conto è un’assicurazione base, un altro è avere anche una copertura per furto, incendio e altre opzioni accessorie. Le polizze assicurative sospendibili permettono oggi di risparmiare non poco. In linea di massima comunque le tariffe più basse sono quelle che si trovano online.

Tutti sulle due ruote: risparmio sull’assicurazione moto e oggi anche sul pagamento autostradale

Ad essersi anche dimezzato è il volume di vendita, ma non i mezzi circolanti. Sì è quindi alzata l’età dei mezzi, che è più vecchio e più ampio. Oggi sulle strade circolano 6,6 milioni di due ruote, scelte come mezzo privilegiato per gran parte dell’anno, sia per uso quotidiano, che per fare viaggi lunghi. A questo proposito c’è da ricordare che le due ruote (moto e scooter) pagano il 33% in meno sul pedaggio dell’autostrada. Questa formula di sconto, promossa in via sperimentale sino al 31 dicembre del 2017, probabilmente verrà applicata in via definitiva, un bel vantaggio per i centauri, che quindi hanno solo di cui esser contenti.

Lo sconto viene tuttavia applicato solo con il Telepass, in abbinamento alla targa del veicolo, meglio ricordarlo. Questa formula è già applicata in Austria, Grecia, Franzia, Serbia, Slovenia, Repubblica Ceca, Portogallo, dove si paga tra il 30 ed il 50% in meno. In altri stati d’Europa da parte delle moto non è dovuto addirittura alcun pedaggio: come in Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Lituania, Lettonia, Belgio, Danimarca, , Norvegia, Olanda, Svezia.

Lo sconto, secondo le statistiche dei paesi in cui è applicato, riduce gli incidenti e va quindi a vantaggio della sicurezza dei centauri. Il prossimo obiettivo di Confindustria ANCMA sarà quello di portare in autostrada anche le moto con cilindrata 125 cc e di aprire le porte ad incentivi e sgravi fiscali per l’utilizzo di abbigliamento protettivo. Tra i costi dei premi diminuiti, pedaggi ridotti e formule assicurative che permettono il risparmio, non stupisce l’aumento dei due ruote sulle strade italiane.

Condividi su:

Seguici su Facebook