Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fiume Pescara: il ruolo della Provincia

Incontro del Presidente Di Marco con i Sindaci.

Condividi su:

Oggi 5 marzo, presso la sala Figlia Di Iorio della Provincia di Pescara, il Presidente Antonio Di Marco ha incontrato i sindaci dei Comuni per discutere del grande e preoccupante problema che investe l’intero territorio.

Il fiume Pescara attraversa molti territori della Provincia di Pescara e l’inquinamento dovuto soprattutto alla mancanza di coscienza, all’ignoranza e all’incuria di coloro che scaricano liquami di fogne e di industrie, ha raggiunto limiti non più tollerabili.

Il fiume e con esso il mare sono beni preziosi che devono ritornare utilizzabili da tutti gli abitanti della provincia di Pescara.

Il fiume e il mare sono valori ambientali ed economici, che solo una visione miope del loro utilizzo non comprende, e l’intervento del Presidente Di Marco è molto importante.

La presa di coscienza dei politici e amministratori, anche se un po’ tardiva, fa sperare tutti in una stagione balneare vivibile.

L’incontro ha visto la presenza dei sindaci di: Pescara, Montesilvano, Spoltore, Cepagatti, Alanno, Moscufo, Nocciano, Pescosansonesco, Farindola, Montebello di Bertona Pietranico, San Valentino, Torre de’ Passeri, Turrivalignani e Abbateggio; del Comandante della Polizia Provinciale Giulio Honorati e dei tecnici del settore Ambiente della Provincia

Di seguito il testo integrale del Comunicato dell’Ufficio Stampa della Provincia di Pescara

Fiume Pescara, il ruolo della Provincia

Il Presidente Di Marco convoca i Sindaci per stabilire una strategia coordinata

Riportare nella giusta direzione il rapporto tra i Sindaci ed il soggetto gestore degli impianti acquedottistici (ACA) in una prospettiva nuova che fissi quale unico obiettivo comune quello della tutela ambientale dei rispettivi territori. Migliorare la sinergia tra i vari soggetti istituzionali (Regione, Provincia, Comuni, ACA, Ersi, Arta) coinvolti nella gestione del servizio idrico integrato finalizzato a garantire la più ampia conoscenza delle criticità esistenti, per il loro superamento, stabilendo criteri di priorità condivisi e calati nelle rispettive programmazione degli interventi da parte degli enti coinvolti. Implementare la collaborazione tra i Sindaci ed il Corpo di Polizia Provinciale finalizzandolo alla segnalazione di fattori, anche potenziali, che causano danno ambientale. Collaborare in modo costruttivo con l’Aca anche nel predisporre i bandi di gara necessari all’acquisto dell’impiantistica, sfruttando le competenze e le disponibilità della Centrale Unica di Committenza istituita dalla Provincia per i piccoli Comuni e fornendo supporto tecnico-amminstrativo alla rapida realizzazione dei procedimenti d’appalto. Istituire un tavolo permanente in seno all’Assemblea dei Sindaci della Provincia di Pescara per assicurare il raggiungimento degli obiettivi concertati.

E’ il risultato dell’incontro svoltosi ieri sera in Provincia, promosso dal Presidente Antonio Di Marco e rivolto ai Sindaci del pescarese, per coordinare e sovrintendere alle azioni di controllo degli scarichi nei fiumi Pescara e Saline. All’incontro hanno partecipato i Sindaci di Pescara, Montesilvano, Spoltore, Cepagatti, Alanno, Farindola, Montebello di Bertona, Moscufo, Nocciano, Pescosansonesco, Pietranico, San Valentino, Torre de’ Passeri, Turrivalignani e Abbateggio, il Comandante della Polizia Provinciale Giulio Honorati e i tecnici del settore Ambiente della Provincia.

“Non possiamo più nascondere la testa sotto la sabbia – afferma Di Marco -.  La necessità di un’azione condivisa  è finalizzata  a far emergere con chiarezza il fenomeno degli scarichi non autorizzati e al costante monitoraggio della funzionalità degli impianti di depurazione ricadenti sul territorio di competenza di ogni Comune. La corretta e costante manutenzione ordinaria degli impianti è un fattore determinante per la buona conduzione della funzione di controllo sugli impianti, e rende produttiva ed efficace nel tempo la spesa pubblica sostenuta per il potenziamento e miglioramento degli stessi impianti”.

I Sindaci riceveranno dall’ufficio Ambiente della Provincia una scheda contenente la mappatura degli scarichi e degli impianti esistenti, che  i Comuni potranno integrare con le mappature aggiornate delle reti fognarie nonché dei fossi intubati per rendere più agevole le verifiche da parte dell’ente di area vasta. Dal canto suo la Provincia aggiornerà la propria banca dati attraverso le informazioni provenienti dai Comuni, arricchendola di informazioni sulle modalità gestionali e manutentive degli impianti di depurazione. Inoltre sarà istituito un sistema permanente di comunicazione tra Sindaci e Polizia provinciale, cui sarà aggiunta attività di formazione continua, a carico di quest’ultimo, del personale di Polizia municipale, per migliorare la capacità di vigilanza e repressione dei fenomeni inquinanti sul territorio di competenza.

Condividi su:

Seguici su Facebook