Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dopo le targhe alterne anticipata dal 22 al 29 la verifica della qualità dell'aria

Fabrizio Perfetto: “Bisogna ampliare anche alla periferia le strade da includere nei programmi di lavaggio”

Condividi su:

Un'anticipazione sulla verifica dei valori delle polveri sottili e della qualità dell'aria, in seguito all'entrata in vigore dell'ordinanza sulle targhe alterne e allo stesso tempo un esame approfondito del provvedimento di pulizia straordinaria delle strade. E' quanto è stato deciso questa mattina dalla Commissione Comunale Ambiente presieduta dal presidente Fabrizio Perfetto.

“Considerato il peggioramento delle condizioni atmosferiche – spiega il presidente della Commissione Ambiente Fabrizio Perfetto – abbiamo deciso di fissare un primo confronto con i tecnici dell'Arta venerdì prossimo 22 gennaio e non venerdì 29 gennaio come era stato stabilito in precedenza. La seduta è stata proposta per avere aggiornamenti diretti su come sono cambiati i valori delle polveri e per vedere se ci sono le condizioni per modificare le misure adottate dal sindaco Alessandrini e ritirare l'ordinanza sulle targhe alterne, qualora i valori siano cambiati in meglio e in considerazione dell'imminente perturbazione”.

In secondo luogo la Commissione Ambiente ha deciso di convocare l'assessore all'Ambiente Paola Marchegiani e i tecnici di Attiva lunedì 18 gennaio al fine di approfondire i criteri di identificazione delle strade ricomprese nel programma straordinario di pulizia e ampliarlo in vista della istituzionalizzazione prevista a febbraio.

“In particolare – aggiunge il presidente Perfetto – l'attuale piano programmato dall'Amministrazione esclude completamente le zone periferiche della nostra città che, tuttavia, sono invece incluse nell'ordinanza sulle targhe alterne. Ho ritenuto opportuno sollevare l'attenzione su un apparente paradosso: o le strade della nostra periferia sono pulite, prive di polveri depositate, e quindi non dovrebbero essere chiuse al traffico, oppure è opportuno allargare il piano straordinario di pulizia delle strade anche ad arterie trafficate dei quartieri periferici come via Di Sotto, via Del Santuario, via Tirino, via Lago di Capestrano, via Caravaggio, via Tiburtina e via Sacco, via dove è posizionata una centralina di rilevamento e dove si registrano alcuni dei livelli più alti di inquinamento”.  

Condividi su:

Seguici su Facebook