Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pablo Picasso e Marc Chagall in esposizione al museo Paparella Treccia

64 incisioni dei due più famosi artisti del '900 in esposizione fino al 3 maggio a Villa Urania

Condividi su:

Il Museo Paparella-Treccia di Pescara ospita fino al 3 maggio 2015 una mostra di 64 incisioni originali di Pablo Picasso e Marc Chagall, due dei più apprezzati e noti artisti del Novecento mondiale, a cura di Michele Tavola.

Picasso, ispirandosi a L'Histoire naturelle, il famoso trattato di scienze naturali elaborato nel corso di un cinquantennio del XVIII secolo da Georges-Louis Leclerc, meglio noto come Conte di Buffon, ha realizzato 32 incisioni ciascuna delle quali rappresenta un animale. Naturalmente la fantasia e la creatività di Picasso non hanno dato alle incisioni valenza scientifica, ma una rappresentazione fantastica, se pur realistica.

Chagall, invece, ha attinto come fonte di ispirazione dalle famose ed universalmente note Favole del grande scrittore e poeta Jean de La Fontaine (Il Lupo e l'Agnello, Il Gallo e la Volpe, Il Lupo e la Cicogna, Le Rane vogliono un re, ecc.). Anche Chagall, con le sue incisioni ha seguito un percorso proprio nella descrizione degli animali protagonisti delle favole, conferendo a ciascuno di essi una propria particolare caratterizzazione.

Si avrà, inoltre, durante la visita alla mostra di Picasso e Chagall la possibilità di ammirare anche la prestigiosa collezione di 151 esemplari di antiche maioliche di Castelli, prodotte tra il 1500 e il 1800, realizzate dai più grandi e famosi autori, fra i quali i Grue, i Gentili, Cappelletti, Fuina, ecc., ecc, patrimonio della Fondazione.

La mostra è aperta tutti i giorni con il seguente orario: dal 20 dicembre 2014 al 3 maggio 2015 dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30

Biglietto intero 6 Euro
Biglietto ridotto 4 Euro (per gruppi superiori a 15 persone, soci FAI, soci Touring club, studenti, over 65)
Supplemento visita guidata 1 Euro per gruppi di almeno 5 persone

N.B. Il biglietto di ingresso alla mostra comprende la Collezione permanente

Condividi su:

Seguici su Facebook